TREBBIANO RUBICONE “BOTTE DI BACCO” – GLI ACQUISTI BRUTTI DEI SALDI

Tempo di SALDI. Tempo per noi donne di acquisti casuali, di cui ci pentiremo almeno fino ai prossimo saldi…quando faremo altri acquisti altrettanto brutti. Così dopo una sciarpa verde palude e un paio di pantaloni troppo stretti (comprati come stimolo a perdere una taglia) entro in un supermercatino del centro a vedere qualche low-wine in offerta. Budget 2-3 euro, così rimangono le monetine per il parcheggio. Ed eccolo, LUI…

Proprio Lui mi chiama! Trebbiano Rubicone  Botte di Bacco in offerta a 1.99 per la confezione da 3 mini-brick….IRRESISTIBILE. Packaging accattivante, peccato non aver messo una cannuccia tipo succo di frutta visto che il formato si presterebbe particolarmente bene. Mi rimane ignota l’occasione di consumo però per un formato così piccino: il single che vuole bere qualcosa? Nonna che deve sfumare le bistecche ma non vuole usare il vino buono? Alternativa alla merenda salutistica con lo yogurt di soia? Boh…

Che dire…colore: un timidissimo giallo. Al naso poco, forse una leggera nota come di pelle finta oppure di acetone per le unghie, non saprei ben dire. Assaggiandolo freddo di frigo e con tutte le buone intenzioni si percepisce lo stesso una punta di amarognolo, insieme ad una consistenza acquosa che non ha aiutato.

Bacco e questo vinello non penso si siano mai presentati. Temo si tratti di una taroccata, come quando compri le scarpe col tacco nere uguali-uguali a quelle di Dolce e Gabbana…ma dall’indianino sotto casa che vende anche frullatori e cover per il cellulare. Si assomigliano per carità, però si sciolgono mentre le indossi.

#staylowine e buoni acquisti brutti a tutti!

 

 

Published by

Nicole

Dopo 5 anni di liceo classico ho lasciato di sale professori e famiglia iscrivendomi alla facoltà di enologia, che continuo tutt'ora nel campo del marketing. Mi piace raccontare i vini e il mondo dell'enogastronomia con semplicità e ironia, rendendoli accessibili e accattivanti ai meno esperti. Spero un giorno di poter trasformare questa passione in un lavoro...così da giustificare finalmente tutte le mie mangiate e bevute.