MONTEPULCIANO D’ABRUZZO DOP ROCCA VENTOSA + MALBECH IGP FAMIGLIA BORON – ASPETTATIVE E TRIGLICERIDI

Si sa, la prima impressione è quella che conta. Infatti ho pensato di presentarmi ad una cena tra nuovi compagni di corso con una bottiglia da 3 euro e qualcosa, per mettere subito in chiaro le cose. Immaginate il sollievo quando è comparsa un’altra bottiglia della stessa fascia di prezzo. Goethe le chiamava “le affinità elettive”.

Ebbene, ho sfruttato nuove menti e nasi da diverse regioni d’Italia per queste due bottiglie, nella prima degustazione low in terra veneta.

Primo vino, un Montepulciano d’Abruzzo, da non confondersi con il Vino Nobile di Montepulciano, un altro paio di maniche. Colore interessante, un bel viola con qualche leggere sfumatura aranciata, probabilmente data da un po’ di affinamento in legno. Un certo odore di pasta e pancetta ha confuso i nasi del gruppo di degustazione che però, alla fine, hanno riscontrato la presenza di un frutto rosso non troppo maturo, come la prugna, il ribes o la ciliegia. In bocca niente sapore di panchina (ricordate quel Barbaresco?!) ma un piacevole sapore speziato e una buona acidità, anche se troppo breve, come la durata di uno smalto semi-permanente. Il lowiner rimarrà soddisfatto di questo acquisto, un po’ meno forse della sua manicure.

E poi lui, il Malbech, vitigno di origine francese, oggi coltivatissimo in Argentina e Cile. Nutrivo grandi speranze, e si dice che chi di speranza vive, disperato muore. Ad un primo approccio colore e profumi non hanno deluso le aspettative: rosso intenso, e note vinose, fruttate, dolci. In bocca chiaramente qualcosa non andava, forse per un problema di rifermentazione in bottiglia. Il vino aveva infatti un sapore dolciastro e una leggera effervescenza. Si è potuto tuttavia apprezzare una certa morbidezza in bocca e una bella sensazione di calore. Riassumerei in una parola: sfiga. Mia e della bottiglia che forse ha dovuto affrontare qualche esperienza traumatica, uno shock emotivo che ne ha alterato il contenuto. Daremo una seconda occasione a questo Malbech, perché le premesse erano buone.

Il neo gruppo di degustazione ha reagito bene alla delusione, distratto di nuovo da un’altra pietanza ad alto contenuto di trigliceridi: una torta di burro e cioccolato.

Insomma un gruppo di lavoro sicuramente valido, ma a rischio di ipertensione e infarti…una ragione in più per leggere e condividere questo articolo, non sappiamo quanto tempo reggeremo.

Published by

Nicole

Dopo 5 anni di liceo classico ho lasciato di sale professori e famiglia iscrivendomi alla facoltà di enologia, che continuo tutt'ora nel campo del marketing. Mi piace raccontare i vini e il mondo dell'enogastronomia con semplicità e ironia, rendendoli accessibili e accattivanti ai meno esperti. Spero un giorno di poter trasformare questa passione in un lavoro...così da giustificare finalmente tutte le mie mangiate e bevute.